Le varie forme di violenza

La violenza fisica

La violenza fisica  è ogni forma di intimidazione o azione che mette a rischio l’integrità fisica. Vi sono compresi comportamenti quali schiaffeggiare, spingere,  dare calci, pugni, morsicare, sputare,  dare pizzicotti, minacciare, tirare i capelli,  costringere nei movimenti, sovrastare fisicamente, colpire con oggetti o armi, mutilare i  genitali femminili, bruciare con le sigarette, ustionare, privare di cure mediche, privare del sonno, tentare di strangolare, pugnalare, uccidere, ecc. 

La violenza sessuale

La violenza sessuale è ogni forma di imposizione di rapporti e pratiche sessuali non desiderate che facciano male fisicamente e/o psicologicamente, sotto minacce di varia natura. Vi sono compresi comportamenti quali essere insultata, umiliata o brutalizzata durante un rapporto sessuale, essere costretta ad assistere ad atti sessuali, subire un tentato stupro, subire uno stupro. Ricordiamo che l’imposizione di un rapporto sessuale o di intimità non desiderata è un crimine di umiliazione, di sopraffazione e di soggiogazione, che provoca nella vittima profonde ferite fisiche e psichiche.   Lo stupro no deve essere visto soltanto come un atto  “prettamente sessuale”, è un reato contro la libertà della persona, non è un “raptus” sessuale, è sempre l’esercizio di un “potere” .

La violenza economica

La violenza economica come succede con la violenza sessuale, spesso è difficile da registrare come un forma di violenza. Può sembrare normalmente scontato che la gestione delle finanze familiari spetti all’uomo. Anche l’avarizia può diventare uno strumento vessatorio e denigrante difficile da registrare come violenza .  La violenza economica è ogni forma di privazione, sfruttamento e controllo che tende a produrre dipendenza economica o ad imporre impegni economici non voluti:  impedire alla donna di lavorare, obbligarla a lasciare il lavoro o a non trovarne uno,  controllare lo stipendio, controllare gli estratti conto, sequestrare  bancomat e carte di credito,  obbligarla a versare lo stipendio sul conto corrente dell’uomo, sfruttarla come forza lavoro nell’azienda familiare senza dare nessun tipo di contribuzione, escluderla dalla gestione economica della famiglia, costringerla a fare debiti, non adempiere ai doveri di mantenimento stabiliti dalla legge anche nei confronti dei/delle figli/figlie,  limitare l’accesso alle cure mediche,  tenerla  in una situazione di privazione economica continua.  Se l’uomo limita l’accesso al cibo, ai vestiti, al denaro, alle cure mediche o al lavoro della donna, o impedisce che la donna diventi o possa diventare economicamente dipendente, esercita su di lei un controllo diretto molto efficace, soprattutto nel momento in cui la donna decide di allontanarsi dalla relazione distruttiva di maltrattamento.

La violenza psicologica

La violenza psicologica comprende tutti quei comportamenti che ledono la dignità e l’identità della donna.La violenza psicologica ha un grande potere distruttivo soprattutto quando si manifesta in sottili meccanismi comunicativi all’intero dei rapporti di intimità.

Competenze

Postato il

25 Febbraio 2020